Solaire

Messaggio di SvizzeraEnergia

15221573775aba474113289

«Entro il 2050, l’energia solare potrebbe soddisfare il 50% del fabbisogno, ossia ben più del 20% previsto dalla Strategia energetica 2050»

15221573775aba474113289

Il Programma Edifici, lato solare

15221573775aba474113289

Come ottimizzare il consumo proprio di corrente fotovoltaica

15221573775aba474113289

Il mio impianto solare in sette passi

15221573775aba474113289

La tegola solare colorata: nascita di un nuovo standard

15221573775aba474113289

Fate confrontare gratuitamente i preventivi del vostro futuro impianto solare

15221573775aba474113289

Finiamola con le idee preconcette sull’energia solare

15221573775aba474113289

SOLAIRE


Il Programma Edifici, lato solare

SOLAIRE

In caso di ristrutturazione, installare dei collettori solari termici può dare diritto a un incentivo. Panoramica e note esplicative.


Gli incentivi erogati nell’ambito del Programma Edifici per l’energia solare riguardano principalmente gli impianti termici. «Per il fotovoltaico sono previsti altri contributi, principalmente la rimunerazione unica (RU)», ricorda Aline Tagmann, dell’Ufficio federale dell’energia (UFE). Si aggiungono due condizioni: deve trattarsi di un nuovo impianto o dell’ampliamento di un sistema esistente – e non unicamente della sostituzione di collettori solari – su edifici esistenti. Per ricevere il contributo, gli impianti devono essere adibiti al riscaldamento dei locali e/o alla produzione di acqua calda sanitaria.
I modelli di collettori incentivabili figurano sul sito listacollettori.ch. Sono in maggior parte certificati Solar Keymark e hanno superato i test previsti dalle norme EN 12975=1/=2, EN 12975=1 o ISO 9806. Bisogna inoltre fornire la garanzia di prestazione validata (GPV) di Swissolar/SvizzeraEnergia, che permette di assicurare che un impianto è stato installato e funziona in modo ottimale. Inoltre, la potenza termica nominale dei collettori deve essere di almeno 2 kW. Se si tratta di completare un impianto esistente, la potenza termica nominale supplementare dei collettori deve ammontare a 2 kW. Infine, secondo le prescrizioni della maggior parte dei cantoni, in caso di impianti dove la potenza termica nominale dei collettori supera i 20kW bisogna effettuare un monitoraggio attivo dell’impianto.


UN BUON ARGOMENTO DI VENDITA

I cantoni predispongono un proprio programma promozionale (nel settore dell’energia in ambito edile in generale) e possono, per esempio, inasprire le condizioni di concessione o aumentare le aliquote di incentivazione o addirittura incentivare altre misure a proprio carico. Per saperne di più, fate un salto sul sito Internet del cantone che vi interessa.
Gli incentivi vengono versati ai proprietari, ma costituiscono un eccellente argomento di vendita per i professionisti del settore. Ricordiamo inoltre che, a seguito della votazione popolare in merito alla nuova legge sull’energia, è stato prolungato il Programma Edifici, la cui scadenza era stata fissata in un primo tempo per il 2019. Secondo il disegno di revisione della legge sulla CO2, che sarà presentato quest’anno al parlamento, la durata del programma dovrebbe essere limitata a fine 2025. È perciò opportuno non attendere troppo per intraprendere dei lavori! I primi ad arrivare saranno anche i primi ad essere serviti.

Panoramica del Programma Edifici

Lanciato nel 2010 dalla Confederazione e dai cantoni, il Programma Edifici mira a diminuire concretamente la CO2 nell’atmosfera, a proteggere il clima e a ridurre la nostra dipendenza dalle importazioni petrolifere e di gas. Dalla sua introduzione, sono stati risparmiati 21,5 milioni di tonnellate di CO2, ovvero 108 106 GWh.
In Svizzera, il 40% del consumo di energia e circa un terzo delle emissioni di CO2 sono da imputare agli edifici, queste misure devono incoraggiare i proprietari a risanare i loro beni. Nel Paese se ne contano in effetti 1,5 milioni che sono poco o per nulla isolati, e 3 milioni che sono ancora riscaldati con combustibili fossili o ad elettricità.

www.ilprogrammaedifici.ch

Gli incentivi per cantone

· Ticino: 1200 fr. + 500 fr./kW
· Grigioni: 2000 fr. + 500 fr./kW

Foto: © Fluxif (Gerry Nitsch) / Il Programma Edifici